Fede e poesia



La storia de la Madonnella



Si da Nettuno fai quarche chilometro
diretto a l'«Accerella»,
guarda: a metà de strada, i' mezz'a l'arberi,
c'è 'na colonna co' 'na Madonnella

che pare messa lì, su quer deserto
come pe' da' un conforto
a chi, da le «Grottacce» a «Campomorto»,
dorme drent' a 'na stalla o a lo scuperto.

Vistala un giorno chiesi a un contadino:
perchè c'è 'sta Madonna su 'sto prato?
- Eh, freghete padrò! si 'no scenziato
i glio dimanni a mi che so' burino? -

- Ma via ... ricconta ...
« - Tembo fa - riprese -
Crido de maggio, ma nun zaccio mo
l'anno ch'eva, glio Principe Burghese
passò a jècco co' gli ùtteri i la moglie
in un beglio londò.

Glio sólo che brilléa da la matina
a un tratto se imbrugliò
i da glio mónto ruscio a la marina
avissi visto si che fricantò

de fulmini i de lampi! ...
L'acqua vénéa a conconi che a vedè
pare glio inferno in tera, i pe' gli campi
ogni arberitto se stucchéa da se.

Forza Cucchiero! ... Abbrivera! ... Giù, forza! ...
Fào tutti in coro, i glio cucchiero mena ...
Ma la bestia, porèglia, più se sforza
i più, 'mmeci, s'ingara 'ntra la rena.

Glio celo, intanto, sempre più arrecarreca ...
quann'ecco che 'no fulmino birbono
cifia su glio londò che, pe' miracolo,
se spezzettiglia solo a glio timono.

I' glio Principe, i' gli ùtteri, i' la donna
allosì sono sàlui ... i pe' 'sso fatto
fu missa 'ssa Madonna
- luci de fede! - a j'écco, ippisofatto.
I' si' mo ti' padrò si' peccatoro
'bbassa gli o capo i jettaje 'no fioro».

Commosso, presi un fiore i 'mezz'ar prato,
feci l'offerta e, come Dio à vorsuto,
da allora ar giorno d'oggi ò camminato
sempre sopra un tappeto de velluto.

Questa è la storia de la Madonnella,
storia che tu dirai ch'è un'invenzione ...
... ma dimme un po', ched'è 'sta tremarella
che te dà un nun socchè de confusione?

Che gnente ... forse ... ciài quarch'intenzione? ...
Ma allora, fio, sbottonete ... favella ...
Già che vedo che un Angiolo te sfiora
arza l'occhi da Tera
e guarda in Celo, che sei in tempo ancora!

(Romolo Lombardi)


Semo da capo



Currete, donne mie; currete, donne,

a ssentí la gran nova c’hanno detto:
c’a la Pedacchia, ar Monte, e accant’a gghetto
arïoprono l’occhi le Madonne. 
              
La prima nun ze sa, ma jj’arisponne
quella puro de Bborgo e dde l’Archetto.
Dunque dateve, donne, un zercio in petto,
e ccominciate a ddí ccrielleisonne.
             
 Oh ddio: che ssarà mmai st’arïuperta 
doppo trentasei anni e mmesi d’ozzio?
Bbattajje, caristie, rovina scerta. 
             
Se troveno però ccert’indiscreti
che vvanno a bbisbijjà che sto negozzio
è un antro bbutteghino de li preti.

(Giuseppe Gioachino Belli)

Maggio, mese di Maria.
Dai vecchi libri di scuola...

"Andiamo a cogliere fiori
sui prati, lungo i rivi:
e di tanti colori
sceglieremo i più vivi,
per far mazzi e ghirlande:
freschissimo tesoro,
ora che maggio spande
il suo sorriso d’oro.
Giaggioli e fiordalisi,
serenelle e giacinti,
anemoni e narcisi
in un gran fascio avvinti,
porteremo a Maria
nella piccola chiesa,
ove brilla la pia
lampada sempre accesa".
(Giuseppe Fanciulli)





Pregare davanti al capitello
Fede e tradizione
Fede e arte
Fede e cultura
Fede e poesia



HOME